Lousiana, recensione Mag27

Tags

Related Posts

Share This

Lousiana, recensione

Lousiana delude le attese. Tanto acclamato dalla stampa da Cannes, si rivela un buon documentario che non aggiunge nulla alle zone riprese e alle persone che vivono in Lousiana, con speciale menzione per quella Cajun. Il montaggio è fotografico, come indicato dallo stesso regista Roberto Minervini. E tale caratteristica, accentuata dall’uso di un solo tipo di obiettivo rende il film statico, benché interessante nell’idea di sentirsi fotografo ossia immerso nell’ambiente e nelle situazioni, per raccontarle da dentro. Ma per rendere il documentario graffiante serve ideologia e filosofia. La prima ti porta ad avere una tua visione, anche limitata, ma precisa e filtrante della realtà che ti interessa: così lo spettatore potrà effettuare le sue valutazioni, sentirsi d’accordo o in disaccordo ma partecipante. Con la filosofia si introduce un ragionamento, un motivo per lo spettatore per rimanere interessati dallo svolgimento del film.

Infatti, la visione spaccata a metà tra l’ala conservatrice americana, rappresentata dai cacciatori ex-militari, e i progressisti idealizzata dalla comune di reietti rimane utile per vedere un’altra America ma non sufficientemente sviluppata: difficile pertanto comprendere la valutazione di Mereghetti sul Corriere, così sbilanciata verso il capolavoro.