La vedova Winchester, film non convincente Feb16

Tags

Related Posts

Share This

La vedova Winchester, film non convincente

Una scena del film, foto stampa

Una scena del film, foto stampa

 

La Vedova Winchester, per la regia dei fratelli Michael e Peter Spierig: protagonista principale l’attrice premio oscar Helen Mirren, è un film del genere horror tratto da una storia vera.

Sarah Pardee Winchester (Helen Mirren) è la vedova di William Winchester, figlio dell’inventore del famoso ed omonimo fucile.

Rimasta presto vedova la donna, ereditò il 50% della fabbrica e 20 milioni e mezzo di dollari trovandosi a gestire un vero e proprio impero. Ma non solo: ereditò una sorta di sofferenza, iniziò ad avere allucinazioni ed incubi che presto la convinsero di essere maledetta e che gli spiriti delle persone uccise dalle armi prodotte dalla sua fabbrica la perseguitassero.

Consultò una medium che la convinse a cambiare casa, dirigersi ad ovest ed iniziare a costruirne una per ospitare i suoi  “nuovi amici”, gli spiriti.

Così fece dando vita a una casa in costante costruzione 24h su 24h per 38 anni. Il Consiglio di Amministrazione del restante 50% cercò in tutte le maniere di far interdire la donna e prendere il controllo maggioritario. Fin qui è storia e ci sono molti spunti per creare un film horror che i fratelli Spierig hanno realizzato, senza fornire un filo logico adeguato, convincente.

Ambientazione rigorosamente e banalmente al buio, fantasmi insanguinati, porte scricchiolanti, come da copione scontato,  nulla di avvincente, suspence uguale a zero. Anche l’inserimento del personaggio dello psichiatra, che viene assunto per valutare la salute mentale della ereditiera, non convince: è un alcolista e tossicodipendente dell’epoca (utilizzatore di laudano) che combatte la sua personale guerra con i suoi fantasmi. Un valutatore che deve essere valutato…. Troppe cose stridono tra loro e non soddisfano la visione di questa pellicola.